W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

LA MINACCIA ARRIVA DALLA TUNISIA: NELL’ULTIMO MESE, DAL PAESE CHE HA DATO IL MAGGIOR CONTRIBUTO ALLA BATTAGLIA JIHADISTA SONO PARTITE ALCUNE DECINE DI INTEGRALISTI PERICOLOSI DIRETTI VERSO LE COSTE ITALIANE – UNO DEI NOMI INSERITI NELLA BLACK LIST E’ STATO RINTRACCIATO E RIMPATRIATO

La segnalazione è arrivata dalla Tunisia alcune settimane fa e finora è stata trattata con un certo riserbo: nell’ultimo mese, dal paese che ha dato il maggior contributo procapite alla battaglia jihadista sono partite alcune centinaia di persone dirette verso le coste italiane. E di queste, alcune decine sarebbero integralisti almeno potenzialmente pericolosi. Ieri, uno dei nomi inseriti nell’elenco, Abdelhak Ben Makhlouf Aouini è stato rintracciato a Milano e rimpatriato con un aereo partito da Palermo e diretto a Tunisi.

È un uomo di venticinque anni, non ha precedenti specifici nel nostro paese, ma l’Antiterrorismo l’ha inserito nell’elenco delle persone pericolose da fermare immediatamente inviato a tutte le pattuglie territoriali, sulla base proprio delle informative arrivate dalla Tunisia. Nel suo muoversi attraverso l’Italia, Aouni ha sicuramente compiuto qualche ingenuità, postando su Facebook alcune foto di se stesso a Milano, sempre in luoghi molto riconoscibili. Proprio sulla base di una di quelle foto, lo scorso 25 ottobre, una volante l’ha fermato ed è stato immediatamente spostato nel centro rimpatri di Torino e quindi in Sicilia.

TUNISIA 1TUNISIA 1

Ma al di là del rimpatrio di Aouni, il 91esimo nel corso del 2017 firmato dal ministro dell’Interno Marco Minniti (dal 1 gennaio 2015 sono stati 223), a mettere gli apparati di sicurezza in allerta è l’elenco arrivato dalla Tunisia. Lo spostamento di alcuni radicalizzati verso il nostro paese via mare, e potenzialmente, attraverso la penisola, anche in altre zone d’Europa, sarebbe legato all’indulto proclamato dal presidente Beji Caid Essebsi. Una decisione che circa un mese fa aveva suscitato dichiarazioni preoccupate tanto dalla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, quanto da alcuni esponenti leghisti.

MINNITIMINNITI

In Tunisia, come in altri paesi mediorientali, rilasciare alcuni detenuti in occasione di eventi particolarmente rilevanti (Essebsi l’ha fatto in occasione dei sessant’anni della repubblica tunisina) è una pratica piuttosto comune e infatti, anche se circa 1.500 hanno ottenuto uno sconto di pena, i rilasciati sono circa 400. E, sebbene i numeri siano più bassi, alcune decine tra questi, stando alle informazioni del governo tunisino, sono integralisti islamici che dopo il rilascio si sono imbarcati in direzione Italia.

L’elenco di quelli considerati pericolosi è stato condiviso con chi pattuglia il territorio e con le polizie europee. Il governo tunisino ha ottimi rapporti con l’Italia e con l’Europa e ha aderito ad un piano di rimpatrio degli irregolari che procede a ritmo serrato. Anche la condivisione di informazioni sul terrorismo è rapida ma ciò non toglie che l’arrivo di radicalizzati in Italia abbia fatto crescere la preoccupazione degli addetti ai lavori.

TUNISIATUNISIA

 Già nei mesi scorsi un allarme sugli arrivi in Italia di pregiudicati, alcuni dei quali radicalizzati, provenienti dalla Tunisia aveva fatto alzare la tensione, tanto che con delle audizioni ad hoc se n’era occupata anche la commissione Affari costituzionali del Senato. Preoccupazioni non completamente infondate, se si pensa che dalla Tunisia – che pure è un paese fortemente laico – sono partiti seimila combattenti affiliati all’Isis e che il paese e che il paese è stato più volte vittima di gravissimi attentati. Dagospia. Tunisini erano Anis Amri, l’attentatore di Berlino e Ahmed Hannachi, quello di Marsiglia. Fuggiti dalla crisi economica più che dalla repressione e radicalizzati quando erano qui da anni.

Attualità

Cronaca

Powered By AK Featured Post

Spettacolo

NEWS FR

NEWS UK

NEWS ES

La Verità

Maurizio Belpietro

commenti

commenti
graphics-unicef-842824

ANTI VIOLENZA

numeroverdeBanner

SALUTE

panteon

Sport

© 2017 Almaghrebiya. All Rights Reserved. Accedi - Designed by Gabfire Themes