W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Così i profughi ci svuotano i negozi a Pordenone”

 

Dopo i continui episodi di violenza da parte dei profughi, l’associazione dei commercianti di Pordenone ha scritto al prefetto chiedendo di intervenire con azioni più forti per contrastare il degrado. 

Furti d’auto, risse nei locali, profughi che si prostituiscono nella stazionePordenone sta vivendo una difficile situazione di degrado e di insicurezza che sembra non avere fine.

Soltanto cinque giorni fa un nigeriano senza permesso di soggiorno ha molestato i passantie, poi, ha aggredito il poliziotto che cercava di arrestarlo, mentre ai primi di maggio un gruppo di immigrati ha attaccato quattro agenti che sono persino finiti in ospedale.

Ora l’Ascom cittadino ha deciso di scrivere al prefetto. “È di questi giorni – si ricorda nella lettera – l’ennesima rissa scoppiata in centro città (piazza Ellero e prima ancora in piazza Cavour) con liti e zuffe tra cittadini stranieri che hanno seminato lo scompiglio nei locali pubblici affollati di clienti e residenti, ma anche di utenti del trasporto pubblico che frequentano l’area per prendere l’autobus. C’è stata poi la commerciante molestata da un giovane straniero mentre percorreva a piedi via Mazzini; così come la futura sede di via Rotate, proposta dalla Croce Rossa per ospitare i profughi senza fissa dimora, che preoccupa non solo il quartiere ma anche le nostre imprese per il timore che la presenza dell’edificio favorisca l’arrivo di ulteriori presenze e quindi un maggiore controllo sull’identità delle persone”. L’Ascom denuncia le difficoltà sempre maggiori riscontrate nella convivenza tra residenti e stranieri, a causa soprattutto della “continua presenza di profughi che durante il giorno girano per le vie del centro in gruppo e la notte dormono dove capita, in attesa di entrare nell’hub della Comina”.

Il presidente dell’associazione, Alberto Marchiori, intervistato da ilfriuli.it, evidenzia la sua preoccupazione nel vedere che chi commette dei reati viene scarcerato dopo un solo giorno. “Nessun cittadino di Pordenone è razzista e nessuno vuol vedere morire essere umani utilizzati come merce di scambio, ma si stratta anche di non arrecare danno alla collettività e aiutare semmai queste persone a integrarsi”, dice commentando l’imminente apertura di un dormitorio nella città. “I nostri commercianti, a partire dai baristi che hanno visto nei loro locali scene da Far West, non si sentono tutelati e per questo siamo preoccupati. Anche perché queste situazioni portano a un allentamento della clientela e a un senso di insicurezza che non ci fa stare sereni”, conclude riferendosi all’aggressione subita da un’esercente. Ilgiornale

Attualità

Cronaca

Powered By AK Featured Post

Spettacolo

NEWS FR

NEWS UK

NEWS ES

La Verità

Maurizio Belpietro

commenti

commenti
graphics-unicef-842824

ANTI VIOLENZA

numeroverdeBanner

SALUTE

panteon

Sport

© 2017 Almaghrebiya. All Rights Reserved. Accedi - Designed by Gabfire Themes