Arriva l’airbag per lo smartphone

Ci siamo passati tutti: basta una disattenzione e lo smartphone che magari abbiamo pagato anche mille euro precipita a terra; distruggendo il display o peggio. E non sempre basta una custodia tradizionale per evitare una delle più comuni disgrazie della nostra epoca digitale. Quanti telefoni avrà rotto lo studente di Ingegneria tedesco Philip Frenzel, per decidersi a progettare il primo airbag per smartphone?

Il progetto di Frenzen gli è valso un premio della German Society for Mechatronics; il prossimo passo sarà invece quello di lanciare la sua idea (che ha ottenuto il brevetto) su Kickstarter, la piattaforma specializzata in crowdfunding. Ancora non si sa nulla di quale potrebbe essere il prezzo di questa custodia-ragno, ma maggiori dettagli dovrebbero venire divulgati già nel mese di luglio. Sul sito ufficiale , si spiega che – almeno per il momento – verranno costruite custodie solo per i modelli più recenti di iPhone (dal 6 in avanti). Mentre attendiamo tutti di poter dotare i nostri telefoni della prima custodia-robot, ricordatevi di usarne una tradizionale prima di pentirvene amaramente. Chiamata ADCase (dove AD sta per “active damping”, assorbimento attivo), questa custodia non solo intuisce – grazie a dei sensori – quando lo smartphone sta cadendo all’improvviso, ma è in grado di attivarsi e di far scattare verso l’esterno otto tentacoli meccanici e ritraibili che ammortizzano la caduta; offrendo una protezione molto superiore rispetto alle custodie tradizionali.  lastampa