Tetto massimo per le chiamate in roaming e 5G entro il 2020: ecco le novità imposte dall’Europa

Da Bruxelles arrivano nuove norme che favoriranno gli utenti della telefonia e garantiranno maggior trasparenza. Ieri Parlamento europeo e Commissione hanno sottoscritto un accordo fondamentale per il settore della telefonia. La novità principale riguarda un tetto massimo che sarà introdotto per il costo delle chiamate in roaming, le telefonate internazionali all’interno della Ue. Ci sarà un massimo di 19 centesimi a minuto per le telefonate e di 6 centesimi per i messaggi sms.  Tra le nuove iniziative decise ieri c’è anche un maggior sforzo per lo sviluppo della rete 5G in Europa che dovrà essere accessibile a tutti gli utenti europei già nel 2020. 

Costi più chiari

È prevista inoltre anche una maggiore trasparenza per gli utenti cui le compagnie dovranno garantire un informativa di sintesi sulle tariffe applicate così come sulle possibilità di rimborsi e risarcimenti. Grazie a tariffe più chiare in contratto per gli utenti sarà più facile fare confronti tra le diverse offerte sul mercato.

Si tratta di misure che però sono ancora provvisorie e che dovranno ottenere il via libera finale dagli Stati europei per diventare legge. L’iter tuttavia è avviato e il nuovo Codice arriva dopo due anni di negoziati.  Trasportabilità del numero  È previsto inoltre che l’utente possa mantenere il diritto di trasferire il proprio numero di telefono a un altro operatore. Questo nell’arco minimo di un mese a partire dal momento in cui il contratto è cessato. A meno che l’utente non rinunci espressamente a questo diritto. Lastampa