Italia-Svezia 0-0, azzurri fuori dai mondiali

L’Apocalisse ha un colore azzurro tenebra. Ha il sapore amaro delle lacrime di Gigi Buffon, che spezzano il cuore: non ci sarà il sesto mondiale per lui, sarebbe entrato nella leggenda, unico a riuscirci. L’Italia non si è qualificata per la coppa del mondo per la seconda volta nella sua storia. Non è stata capace di segnare un golletto, un misero golletto, a una Svezia povera, imbarazzante sul piano tecnico eppure orgogliosa nella sua resistenza, premiata da un polpaccio di De Rossi all’andata e da una buona dose di fortuna al ritorno. Ma conta poco. L’unico Mondiale fallito, quello del ’58, è un precedente più sbiadito della Corea. repubblica.Quando la Nazionale di Alfredo Foni perse a Belfast contro l’Irlanda del Nord, la Juventus non aveva ancora vinto lo scudetto della stella, un chilo di pane costava 140 lire, il Parlamento discuteva delle case di tolleranza e Nel blu dipinto di blu non la conosceva nessuno: Modugno l’avrebbe presentata a Sanremo due settimane dopo. Questo per capire quanto sia precipitato indietro il calcio italiano